Parrocchia S. M. Segreta in Milano:        Dove siamo        Orario SS. Messe         Contatti          Facebook!

Accesso utente

Una granda organisasiun per dagg la caccia al badaleun (in milanese)


Poema parocchielesco collocabile attorno al XX° - XXI° secolo, x lo +  in
endecasillabi con rime alternate, opera di tale Erbi della Ruera.
L’opera è licenziosa (poeticamente) per cui può essere letta
solo da persone vaccinate contro il vaiolo.
 
UNA GRANDA ORGANISASIUN
PER DAGG LA CACCIA AL BADALEUN
 
Quajdun la dis scomparsa da mila ann,
ma nisun sa s’el sia sta bestia brutta,
e, cont’una valutasion fada a spann,
di alter cunten che ghe l’han missa tutta
per dimostra che ghe n’è amò quajduna
nel Cantu Ticin in di bej boschett
ma il don Gianfranco, ricercador de fama,
l’ha truvaa un quajcoss denter d’un cassett
‘na pergamena tuta rotolada
che la diseva, ind’un vecc dialett,
che il sagrestan  Ersilio Gremolada
l’han trovaa che l’era a dree a tiraa i calzett
mazza da un badaleun che gh’era in Gesa.
Che genner de bestia gh’emm no idea,
ma se anca i leun doveven sta in difesa
e dumaa a guardalla ghe ven la diarrea
doveva vess ‘na bestia minga bonna.
Ma anca se la descizion la manca
da i notizi che gh’emm da una francesa
emm savu che gh’è un diretur de banca
ch’el dis n’ha vist vintun lì, nel casentin,
di badaleun, su no se viv ou mort.
L’è sta lì che al Prevost gh’è vegnu el balìn
de vedè se el gh’è ind’una quaj banda
e, de gran pressa, el scriv un bel messagg
per convocaa tucc i giovin del decanato
perché se preparen a metess in viagg
per dagg la caccia a quel moster scellerato.
El gir saria duraa ‘na setimanna,
chi gh’ha la licensza tira a drè el fusil,
(el basuka l’è vietaa da la Doganna)
perché la belva l’è minga insci gentil.
Un oeucc atent a la corporadura
perché quei piscin inter i a mangia.
I ”quote rosa” van semper rispettaa
ma han scerni fora quii che g’ han no de panscia,
ma han fa mal i cunt e insci han sbagliaa:
i mas’c gh’inn, ma el numer l’è un po  bassin.
Il Conte Orlando, per acclamasiun,
perché l’era alt de stadura e sgarzolin,
l’è diventaa el capo de la spedizion.
De liun cativ chi a Milan ghe n’è mai staa,
de badaleun s’è mai trovaa ‘na tanna
e quel lì niscun l’ha mai futugrafaa
e l’idea de trovall la me par strana,
ma oramai l’è decis, se po no spcciaa,
per minga andaa nisun pienta la grana.
El Cervibus cont su sta comitiva
riva a destinasion in d’un balen
ma el prugett gh’ ha scarsa prospetiva
perché se sa no indua, in sul teren,
la bestia sconosuda l’è quattada.
Un defà de pulin gh’han stì tosann
per terminaa st’impresa disperada
e l’è stàa insci che, cont un po de afann,
gh’in staa d’incident minga simpadegh:
una l’ha gh’ha di costul rott che ghe fan mal
perché, quand l’ha fà un salt l’ha ciappa un topich
ma jer la s’è rampegada su un lampion
e la vusava che lè la stava bén.
Un’altra di tosann in l’ospedal
ha dovu stà per ‘na settimanna almén
In mezz a tuta sta granda confusiun
tucc han notaa che gh’era in gir quajdun
che la pareva propri vess ‘na spia
(se sa no de chi, ma forsi de la CIA).
Lè la teen semper in man un calepin
e la ghe scriv sura fursennatament
tucc quel che disen in del so groppettin
anca se nisun parla segretament.
Saria la”dama cont la barioela blu”,
burlada foeura da un quader del Dalì,
el noster personag ch’emm cuntaa su
e se spera che i segret finisen lì.
Peu vess che gh’è un quajdun interressa
avegg la foto à color de l’animal.
La Maria Piera cur cunt agilitaa
e la stampela l’è duma un trucch genial
perché in effett l’è un mitra tarocaa.
Don Gianfranco i Salmi vuraria legg been
(minga quii del David ma quii d’ un feances)
ma el sherpa local, che informaa ghe teen,
ghe lassa minga spazi, el parla per di mes.
L’è sta propri alura che, impruvisament,
l’è rivada ‘na notizia de Milan,
un “esse emme esse” che el manda in faliment
tuta ‘stà banda vegnuda de lontan:
“Fermare operazione immantinente:
sopra un bel testo di terza elementare
trovato abbiamo scritto chiaramente
che il badalone lo possiam trovare
non nella steppa ma in una sagrestia
dato che feroce non è già un felino
ma, a sostegno del libro in cantoria
tutto di legno è fatto il baltreschino.
Ulteriori ricerche han confermato
che il Gremolada Ersilio è deceduto
per la ferita che aveva riportato
quando il badalon dall’alto era caduto.
Vien fatta inoltre una precisazione:
badalone è scritto e non badaleone.
Celebri i ventuno conservati
Nel Cosentin (ma sono un po’ tarlati).”
L’è pussee mei mangiaa ‘na caciottina
che cureg a dree a una bestia che la cagna.
Inscì dopo ch’emm vist una quaj Madunina
cunt el so fiolin dent ne la cavagna
semm turnaa tucc a cà e gh’emm de dì dumà
“varda che bell el paesagg toscan
cont’ i color del vert de tutti i gradasion,
i cipress, magher, sul crinal di altupian
e i so gent, che parlen ‘nscì forbito,
che per dì “andà e vegnì”,cunt armonia
“anda e rianda”disen: parlà squisito!


Monte Oliveto Maggiore. Chiesa abbaziale
 
Erbi della Ruera
 

 

 

 

 

La Parrocchia, già per il fatto che il suo ambito di aggregazione è la comunità di vicinato, può diventare segno di comunione. Il territorio è il luogo in cui si rende presente la comunità dei credenti animata dallo Spirito di Gesù, radicata nella Parola e plasmata dall’Eucaristia. Essa è il luogo della pastorale quotidiana, grazie alla quale la fede può diventare accessibile a tutti e a ogni condizione di esistenza. Ciò deriva intimamente dal suo essere “la Chiesa stessa che vive in mezzo alle case dei suoi figli e della sua figlie e che vive e opera profondamente inserita nella società umana e intimamente solidale con le sue aspirazioni e i suoi drammi, diventando la casa aperta a tutti e al servizio di tutti” (Giovanni Paolo II).

SINODO DIOCESANO 47°, 1995, §135-136