Parrocchia S. M. Segreta in Milano:        Dove siamo        Orario SS. Messe         Contatti          Facebook!

Accesso utente

Viaggio parrocchiale a FERRARA (24-28/04/17)

http://www.santamariasegreta.it/content/ferrara-2017
Viaggio parrocchiale a FERRARA (24 - 28 aprile 2017)

 
Un gruppo di Parrocchiani ben affiatato ed interessato ha affrontato con grande attenzione l'itinerario proposto da E. Orlando per la Parrocchia nella nostra pianura padana. Le località visitate, ricche di storia e di tradizioni antiche, hanno affascinato il gruppo non più giovane, che non ha dato segni di cedimento neanche in occasione di lunghi trasferimenti a piedi per ritrovare il "Cervibus" parcheggiato lontano.
Prima di arrivare a Ferrara il programma prevede una sosta a NONANTOLA, dove riscopriamo la bellezza e la millenaria storia del MONASTERO. L'Abbazia, fondata nel 752 dal benedettino S. Anselmo su incarico del re longobardo Astolfo, divenne presto uno dei maggiori centri monastici europei, intorno al quale si svilupparono le vicende storiche, l'architettura, la musica gregoriana e l'arte per servire e formare l'uomo attraverso una storia lunga 1.300 anni. All'interno dell'antico complesso monastico visitiamo il Museo nel quale ammiriamo il Tesoro abbaziale (reliquia della Santa Croce) e, nell'Archivio storico, le famose pergamene di Carlo Magno, (diploma con il monogramma di Carlo Magno), di Matilde di Canossa e di Federico Barbarossa.
Una "sorpresa" ci aspetta a MIRABELLO: la visita al "Museo della Civiltà contadina" , gentilmente concessa dai proprietari nostri parrocchiani, che raccoglie bellissimi attrezzi e strumenti agricoli usati nelle nostre campagne e rievoca le abitudini e le lavorazioni d'altri tempi. Il Museo ha risvegliato in molti di noi l'interesse verso la cultura agraria (dimenticata) dei nostri nonni e verso la storia della formazione e dell'evoluzione della pianura padana nei secoli, legata alla ricchezza idrica dei fiumi che la attraversano e che spesso sono soggetti a repentini cambiamenti di percorso durante le "piene" stagionali: il ramo principale del fiume Po scorreva fino al XII secolo all'interno della città di Ferrara, sotto le mura meridionali; oggi il Po scorre qualche chilometro a nord della città. I più curiosi di noi sono rimasti affascinati davanti ad una cartografia di eccezionale interesse, esposta nel Museo. 
 
Si allegano :
  • gli scritti pervenuti di due parrocchiani in viaggio,  che ringraziamo sentitamente
  • "la Partecipanza agraria di Nonantola", istituto di diritto civile, oggi quasi in disuso, sul quale ci ha intrattenuto la nostra guida locale, la cui famiglia "partecipava" nell'Ente.
  • "Guido Monaco: Pomposiano o Aretino ? Inventor Musicae" , documento esposto nella Abbazia di Pomposa.
 

ARQUA' PETRARCA: Il GIUGGIOLO :
 http://www.brodogiuggiole.it/la-giuggiola/

 
                                                                                      

 

 

 

 

La Parrocchia, già per il fatto che il suo ambito di aggregazione è la comunità di vicinato, può diventare segno di comunione. Il territorio è il luogo in cui si rende presente la comunità dei credenti animata dallo Spirito di Gesù, radicata nella Parola e plasmata dall’Eucaristia. Essa è il luogo della pastorale quotidiana, grazie alla quale la fede può diventare accessibile a tutti e a ogni condizione di esistenza. Ciò deriva intimamente dal suo essere “la Chiesa stessa che vive in mezzo alle case dei suoi figli e della sua figlie e che vive e opera profondamente inserita nella società umana e intimamente solidale con le sue aspirazioni e i suoi drammi, diventando la casa aperta a tutti e al servizio di tutti” (Giovanni Paolo II).

SINODO DIOCESANO 47°, 1995, §135-136